Questo sito utilizza cookies tecnici e di terze parti per funzionalità quali la condivisione sui social network e/o la visualizzazione di media. Se non acconsenti all'utilizzo dei cookie di terze parti, alcune di queste funzionalità potrebbero essere non disponibili. Per maggiori informazioni consulta la privacy policy.

Acconsenti all'utilizzo dei cookies di terze parti?

Una mostra archeologica tra mito e rito dedicata a Catania nell’età greca


locandina-katane-modl Polo regionale per i siti culturali di Catania e l’Istituto per i beni archeologici e monumentali del Consiglio Nazionale delle Ricerche (Ibam Cnr) giorno 16 giugno inaugurano presso i locali dell’ex Manifattura Tabacchi di Catania la mostra archeologica dedicata alla città etnea nell’età greca dal titolo “Katane tra mito e rito. Testimonianze culturali di Catania greca”.

Verrà inaugurata il 16 giugno alle ore 18:00, presso i locali dell’ex Manifattura Tabacchi di Catania, la mostra archeologica Katane tra mito e rito. Testimonianze cultuali di Catania greca. Organizzata dal Polo regionale per i siti culturali di Catania e dall’Istituto per i beni archeologici e monumentali del Consiglio Nazionale delle ricerche (Ibam Cnr), la mostra ripercorre attraverso le testimonianze cultuali la storia della città greca di Katane dall’inizio del VI al III secolo a.C. L’esposizione ruota attorno ad una selezione del consistente nucleo di ceramiche e terrecotte figurate d’età arcaica e classica rinvenute nel deposito votivo di Piazza San Francesco, uno dei contesti più ricchi del Mediterraneo occidentale. La mostra è inoltre completata da ulteriori testimonianze provenienti dai vari scavi condotti in passato nell’area urbana ed arricchita da tre sculture concesse in prestito dal Museo civico di Castello Ursino, tra le quali spicca il noto rilievo marmoreo con Demetra e Core.

locandina-terrecotte

L’allestimento della mostra, coordinato dalla direttrice del Polo regionale, Maria Costanza Lentini, è stato curato da Fabio Caruso e Antonella Pautasso, ricercatori dell’Ibam Cnr di Catania, in collaborazione con il personale del Polo.

Nella stessa occasione sarà inaugurata anche la mostra didattica dal titolo Le terrecotte greche. Per chi? Perché? Come?, versione italiana dell’esposizione francese Les terres cuites grecques. Pour qui? Pourquoi? Comment? organizzata, nel 2016, dall’Université de Lille 3, Sciences Humaines et Sociales, (Halma-Ipel) e dal Learning Center. La mostra, gentilmente concessa dall’Università francese, si compone di pannelli didattici che spiegano, attraverso testo e immagini, modi di produzione e significato delle terrecotte figurate greche nei vari contesti. La mostra, rivolta a scuole di vario ordine e grado, è completata da laboratori didattici di modellazione a mano e a matrice che entreranno a regime con l’inizio del prossimo anno scolastico. L’allestimento è stato curato da Antonella Pautasso (Ibam Cnr), in collaborazione con il personale del Polo regionale, la prof.ssa Maria Eleonora Bonincontro ed il prof. Luca Zuppelli che hanno prodotto il materiale per i laboratori didattici

Comunicato Stampa in formato pdf

Katane tra Mito e Rito


Per informazioni: dott.ssa Antonella Pautasso e dott. Fabio Caruso, email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. ; tel: 095 311981 (ext. 215 - 210) 

A breve saranno pubblicati dal Polo regionale di Catania i giorni in cui la mostra sarà aperta al pubblico. Per maggiori informazioni sui laboratori didattici, che partiranno con il nuovo anno scolastico, è possibile contattare la dott.ssa A. Pautasso, Ibam Cnr ( Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. ) e/o il Polo regionale per i siti culturali di Catania ( Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.  -  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. ).

 

FaLang translation system by Faboba