Questo sito utilizza cookies tecnici e di terze parti per funzionalità quali la condivisione sui social network e/o la visualizzazione di media. Se non acconsenti all'utilizzo dei cookie di terze parti, alcune di queste funzionalità potrebbero essere non disponibili. Per maggiori informazioni consulta la privacy policy.

Acconsenti all'utilizzo dei cookies di terze parti?

Progetti di formazione


 

AgriCultura

Il progetto è finanziato dalla Regione Siciliana nell’ambito del Programma operativo Fondo Sociale Europeo (PO FSE Sicilia 2014/2020) e risponde all’Avviso n. 11/2017 “Rafforzare l’occupabilità nel sistema della R&S e la nascita di Spin off di ricerca in Sicilia”. Coordinatore del progetto è il Consiglio per la Ricerca in Agricoltura e l’analisi dell’economia agraria (CREA DC) che si avvale del supporto scientifico e tecnologico dell’Unità di Ricerca di Bagheria dell’Istituto per i Beni Archeologici e Monumentali del CNR.

Obiettivo dell’intervento è quello di formare esperti capaci di migliorare la qualità dell’offerta territoriale integrata tra valorizzazione dei beni culturali, dinamiche del turismo e promozione di processi di gestione innovativi delle risorse naturali.

Attraverso un approccio multidisciplinare, si intende giungere alla definizione di un “Distretto AgriCulturale”, inteso come sistema territorialmente definito, coincidente con un’area ad alta densità di risorse culturali ed ambientali di pregio. La formazione consentirà al gruppo di lavoro di creare spin off/start up di imprese innovative sia nel settore dei beni culturali che in quello agroalimentare, per lo sviluppo competitivo del territorio di riferimento.

Area geografica di applicazione: Sicilia

Maggiori info: Daniele Malfitana, daniele.malfitana@cnr

Il progetto SPIDEr - Pagina dedicata

 



SPIDEr - Strategies for Planning and Integrated DEvelopment of Urban Cultural Contexts

Il progetto SPIDEr è finanziato dalla regione Sicilia, nell’ambito del Programma Operativo Fondo Sociale Europeo (PO FSE Sicilia 2014/2020) in risposta all’Avviso n. 11/2017 “Rafforzare l’occupabilità nel sistema della R&S e la nascita di Spin off di ricerca in Sicilia”

SPIDEr ha come principale obiettivo la formazione di un roster di esperti capaci di sfruttare, con un approccio multidisciplinare, metodologie innovative e tecnologie all’avanguardia nel campo del Decision Support System per la gestione ‘integrata’ di contesti urbani a forte valenza storico-artistica con competenze spendibili sia nel campo della ricerca che della progettazione, riqualificazione, monitoraggio e valorizzazione urbana.

Un programma di alta formazione integrato su tematiche attinenti l’innovazione tecnologica, le nuove strategie del Building Information Modelling (BIM) applicate al patrimonio culturale, con un focus dedicato anche al trasferimento tecnologico e alla strategia di impresa che possa portare, a conclusione dell’esperienza formativa, alla costituzione di uno spin-off, capace, in virtù dell’alta specializzazione raggiunta, di operare nel settore dinamico della conoscenza, gestione e valorizzazione del patrimonio culturale.

Area geografica di applicazione: Sicilia

Maggiori info: Daniele Malfitana,   Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. ;

Il progetto SPIDEr - Pagina dedicata

 


 

Scienze per la DIPLOMAzia - Progetto DIPLOMAzia 2

Corso 3 - Governace della conoscenza, gestione, conservazione, valorizzazione e fruizione sostenibile dei Beni Culturali

DIPLOMAzia2 è la seconda edizione del programma di formazione plurisettoriale nato da una convenzione stipulata tra il Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR) ed il Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale (MAECI) che mira a formare giovani laureati e funzionari provenienti da Paesi del Nord Africa, Medio Oriente e Regione balcanica. 

L’iniziativa rappresenta un ulteriore strumento di politica internazionale volto a rafforzare il dialogo e la cooperazione tra i Paesi attraverso la scienza e la ricerca.

I corsi sono stati focalizzati sulle seguenti macro-aree: ambiente/cambiamenti climatici/resilience con particolare riferimento all'area del Mediterraneo; gestione e utilizzo delle risorse agroalimentari finalizzate alla sostenibilità dell’agricoltura e della arboricoltura, e alla mitigazione degli effetti fisici e biologici dei cambiamenti climatici e governance della conoscenza, gestione, conservazione, valorizzazione e fruizione sostenibile dei beni culturali. 

Area geografica di applicazione: zona Euro-Mediterranea

Maggiori info: Giuseppe Cacciaguerra,  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Account social del progetto DIPLOMAzia 2

 


  

SCEH - Smart Cultural and Environmental Heritage: strategie territoriali, applicazioni innovative, sviluppo per la valorizzazione, anche economica, del patrimonio culturale siciliano

Le attività del progetto SCEH rientrano nell'ambito del Progetto cofinanziato dal Programma Operativo Obiettivo Convergenza 2017-2013, Fondo Sociale Europeo, Regione Siciliana, Asse IV - Capitale Umano Avviso Pubblico 1/2012 "Rafforzare l'occupabilità nel sistema della R&S e la nascita di Spin Off di Ricerca in Sicilia".

L'obiettivo del progetto, in estrema sintesi, è stato quello di elaborare, sulla base di un'approfondita analisi critica delle esperienze in atto, una serie di indicazioni di contenuto strategico ed operativo sulla gestione innovativa del patrimonio archeologico-monumentale e sullo sviluppo attorno ad esso di un sistema di azioni integrate che si ispirino ai principi dello sviluppo sostenibile. Non si tratta di elaborare un modello di valorizzazione turistica del patrimonio archeologico-monumentale, ma di individuare delle "best practices", dei principi guida che possano guidare l'azione di quei soggetti a cui è demandata la gestione di questo patrimonio e/o dei sistemi turistici che attorno ad esso ruotano.

Area geografica di applicazione: Sicilia

Maggiori info: Daniele Malfitana,  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 


 

Scienze per la DIPLOMAzia - Progetto DIPLOMAzia

Corso 3 - Governace della conoscenza, gestione, conservazione, valorizzazione e fruizione sostenibile dei Beni Culturali

DIPLOMAzia è il programma di formazione plurisettoriale nato da una convenzione stipulata tra il Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR) ed il Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale (MAECI).

Il progetto intende valorizzare “la diplomazia della scienza” come strumento per migliorare e rafforzare le relazioni con i Paesi della zona Euro Mediterranea (nelle aree del Nord Africa, Medio Oriente e Balcani). Sono stati individuati tre settori in cui attuare azioni mirate di cooperazione scientifica e tecnologica al fine di ottimizzare e favorire lo sviluppo dei partecipanti. Il progetto riguarda la realizzazione di un corso di formazione per esperti nei macro-settori ingegneria marina, agroalimentare e patrimonio culturale ed è rivolto a giovani laureati in materie economico-sociali, tecnico-scientifiche e umanistiche e a funzionari provenienti da Marocco, Tunisia, Egitto, Territori Palestinesi, Libano, Albania, Serbia, Montenegro e Bosnia. 

Il Corso 3 “Governace della conoscenza, gestione, conservazione, valorizzazione e fruizione sostenibile dei Beni Culturali” è finalizzato ad approfondire sia le tematiche teoriche, sia quelle applicative inerenti alle metodologie e tecnologie necessarie nella filiera dei processi gestionali e di ricerca per il patrimonio culturale. 

Area geografica di applicazione: zona Euro-Mediterranea

Maggiori info: Daniele Malfitana,  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

FaLang translation system by Faboba