Questo sito utilizza cookies tecnici e di terze parti per funzionalità quali la condivisione sui social network e/o la visualizzazione di media. Se non acconsenti all'utilizzo dei cookie di terze parti, alcune di queste funzionalità potrebbero essere non disponibili. Per maggiori informazioni consulta la privacy policy.

Acconsenti all'utilizzo dei cookies di terze parti?

Le competenze disciplinari


L’IBAM mediante le sue competenze multidisciplinari, i suoi laboratori, le sue attrezzature ed i numerosi risultati ottenuti nella sperimentazione metodologica ed operativa, pubblicati a livello internazionale, rappresenta oggi un punto di riferimento a largo spettro sui beni culturali per le attività di studio e di ricerca industriale e sviluppo sperimentale.

In particolare, il team si occupa di:

- Metodologie innovative per la conoscenza dei paesaggi antichi: applicazione e sviluppo di metodologie integrate per l’analisi e lo studio degli insediamenti e del territorio nelle sue trasformazioni nell’antichità, nel medioevo e in epoca moderna

- Studi multidisciplinari nel campo dell’archeologia, nella prospettiva mediterranea, con particolare riguardo all’Italia meridionale, alla Sicilia, all'Albania, alla Turchia e a Creta.

- Sviluppo di approcci multidisciplinari integrati per l’analisi dei manufatti antichi: dalla produzione alla circolazione e all'uso.

- Sviluppo e sperimentazione di analisi crono-tipologiche ed archeometriche sui prodotti della cultura materiale del mondo antico (manufatti ceramici, vitrei e metallici, sistemi costruttivi) con indagini contestuali, socio-economiche ed analisi dei processi di produzione e consumo.

- Metodologie per la caratterizzazione mineralogico petrografica e fisico-meccanica di materiali lapidei naturali ed artificiali del patrimonio storico-architettonico ed archeologico.

- Metodologie integrate di indagine in situ e in laboratorio per la diagnostica di materiali e manufatti finalizzata alla conservazione e al restauro del patrimonio architettonico ed archeologico.

- Metodologie per la scelta ed il controllo degli interventi per la conservazione di superfici e strutture.

- Tecniche avanzate di diagnostica non invasiva e remote sensing per l’individuazione e la ricostruzione di strutture sepolte di interesse archeologico e per la conoscenza e il restauro di edifici storici.

- Tecniche avanzate di realtà virtuale per la ricostruzione 3D e la fruizione a distanza di monumenti e paesaggi.

- Studi ed applicazioni di telerilevamento da satellite e di fotointerpretazione archeologica di riprese aeree storiche e recenti.

- Studio e valorizzazione culturale delle attività industriali umane smesse di epoca moderna.

- Diagnostica dei fattori di rischio geomorfologici ed antropici per la salvaguardia di siti storici ed archeologici in Italia Meridionale.

- Metodologie e tecniche di fisica dell’ambiente del costruito storico, con particolare riferimento ad ambienti confinati e a manufatti di interesse storico-artistico.

- Applicazioni geopedologiche di sito e di laboratorio per la ricostruzione dei paesaggi e delle variazioni climatiche in epoca storica.

- Esame della pericolosità sismica di sito, effettuata attraverso una disamina tecnico-storica degli effetti del danneggiamento prodotto da terremoti del passato in aree del Mezzogiorno d’Italia, con particolare riferimento alla Basilicata.

 

FaLang translation system by Faboba