Questo sito utilizza cookies tecnici e di terze parti per funzionalità quali la condivisione sui social network e/o la visualizzazione di media. Se non acconsenti all'utilizzo dei cookie di terze parti, alcune di queste funzionalità potrebbero essere non disponibili. Per maggiori informazioni consulta la privacy policy.

Acconsenti all'utilizzo dei cookies di terze parti?

Città, insediamenti e territorio


 

SilkRoad

Il progetto mira a creare una piattaforma di cooperazione bilaterale, Italia-Cina, nel settore delle tecnologie di osservazione della terra e Information and communications technology (ICT) con il fine di sviluppare modalità innovative di gestione del patrimonio culturale con particolare riferimento ai beni archeologici e monumentali. A tal fine le due unità di ricerca italiana del CNR e cinese del Chinese Academy of Science (CAS), sono impegnati nella creazione di un “Laboratorio Virtuale” come strumento operativo per la condivisione di dati e il trasferimento di tecnologie e metodologie tra le unità di ricerca italiane e cinesi nei campi del telerilevamento, del computer science, della diagnostica applicate all'archeologia, alla conservazione e monitoraggio del patrimonio culturale. Lo scambio di competenze ed esperienze avviene attraverso la realizzazione di progetti pilota in Italia e in Cina.

Area geografica di applicazione: Italia - Cina

Maggiori info:

Nicola Masini

This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.

 


 

MenSALe - Mense storiche ed artistiche lucane 

Tutte le volte che si cucina, si manipolano i prodotti della natura. Questa manipolazione può definirsi culturale perché è un'azione pregna di significati, funzioni e simboli identitari. Il cibo distingue non soltanto le classi sociali, ma le diverse religioni, le diverse etnie o, semplicemente, l'appartenenza e/o la provenienza geografica. In definitiva, il cibo è cultura.

Mentre nel passato su una qualsiasi mensa si trovavano solo pietanze provenienti dalle coltivazioni locali e gli alimenti alloctoni erano solo sulle tavole dei più ricchi, oggi, su tutte le tavole troviamo cibi provenienti da culture diverse che insieme si integrano alla perfezione.

Sull'interpretazione del concetto del cibo come nutrimento dei corpi e dell'anima, si basa il Progetto MenSALe dell'IBAM CNR. Il partner europeo di questo progetto è l'Istituto di Ricerche Storiche della Fondazione Nazionale Ellenica della Ricerca. I paesi dove maggiormente si può pensare ad una valorizzazione del territorio naturale con l'attività filantropica e culturale, sono di sicuro quelli dove il carattere di specificità ed autenticità sono meglio conosciuti.

Area geografica di applicazione: Basilicata

Maggiori info:

Antonella Pellettieri 

This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.

 


 

CINTI GRASSANO 

L’obiettivo del progetto è garantire il puntuale censimento e la raccolta dei dati esistenti nelle aree interessate dai Cinti, in modo tale che i risultati ottenuti dovranno risultare omogenei e confrontabili secondo un approccio metodologico comune a livello nazionale, che prevede l'approfondimento e l'analisi di distinte fasi procedurali ma integrabili tra esse. Nel dettaglio, le attività condotte dal CNR interessano le seguenti fasi:

- censimento delle grotte presenti nell'area dei Cinti e schedatura delle caratteristiche strutturali, dimensionali e funzionali, nonché dei caratteri architettonici e storico-artistici presenti all'interno delle cavità;

- ricerca ed analisi della documentazione storica d'archivio relativamente alle aree in cui ricadono i Cinti;

- fotointerpretazione multitemporale del territorio interessato dallo studio, finalizzata alla definizione delle condizioni di stabilità delle scarpate su cui insistono gli ingressi delle cavità;

- rilevamenti, controlli e verifiche delle condizioni di instabilità incipiente nelle aree esterne (ingressi e camminamenti laterali) ed interne ai Cinti;

- georeferenziazione dei dati rilevati ed informatizzazione delle schede in un database.

Area geografica di applicazione: Basilicata

Maggiori info:

Maurizio Lazzari

This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.

 


 

Percorso della Memoria – Calvera

Il progetto mira alla ricostruzione del Percorso della Memoria storico-culturale che racconti anche con l'ausilio di nuove tecnologie la storia della comunità di Calvera. Tra le attività vi sono: censimento e schedatura, secondo i criteri dell'ICCD, dei beni storico-architettonici e rurali del territorio comunale di Calvera e georeferenziazione dei dati; verifica delle interazioni tra beni censiti e le aree di pericolosità geologica e antropica; definizione di un percorso di fruizione dei beni culturali censiti; redazione di una Carta dei beni culturali e del paesaggio del Comune di Calvera.

Area geografica di applicazione: Basilicata

Maggiori info:

Maurizio Lazzari

This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.

 


 

Analisi e pianificazione territoriale integrata e tutela del patrimonio storico architettonico

Il progetto di alta formazione, organizzato in attività d’aula, laboratori, stage e project work, in collaborazione con l’Università della Basilicata e Planetek s.r.l., è finalizzato a formare esperti nel settore della pianificazione territoriale e nell’utilizzo di nuove tecnologie, con particolare attenzione verso quelle applicate a beni culturali e alla valutazione dell’interazione con pericolosità geologiche ed antropiche.

Area geografica di applicazione: Basilicata

Maggiori info:

Maurizio Lazzari

This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.

 


 

URBS - Conoscenza, monitoraggio e valorizzazione delle architetture e dei contesti urbani del Mediterraneo

Il progetto, attraverso lo studio di casi-campione, intende indagare, con approccio multidisciplinare, i vari aspetti del problema storico-archeologico della formazione e dello sviluppo della città nel bacino del Mediterraneo. L'arco cronologico coperto dalla ricerca è piuttosto esteso e, partendo dalla tarda età del bronzo, giunge fino all'epoca romana consentendo di analizzare tutte le fasi del fenomeno urbano nella sua complessità; dalla sua strutturazione, ai fenomeni di continuità/discontinuità con le precedenti esperienze insediative. L'indagine viene estesa anche a tutti quegli aspetti relativi alla strutturazione urbanistica, socio-politica e religiosa della polis greca prima e, più tardi, dalla città romana. La scelta di alcuni importanti siti-campione consente di analizzare i suddetti fenomeni in un ambito geografico molto ampio che ha come limite fisico il bacino del Mediterraneo.

Area geografica di applicazione: Mediterraneo

Maggiori info:

Salvatore Rizza

This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.

 


 

O.R.I. DEL MEDITERRANEO – Offerta Ruralità Integrata del Mediterraneo

La proposta progettuale O.R.I. del Mediterraneo persegue l'obiettivo generale, di interesse regionale, di fare evolvere i GAL (Gruppi di Azione Locale) affinché assumano funzioni e ruoli tali da incentivare l'organizzazione del prodotto/territorio di riferimento per filiere integrate di settore (tutte identitarie del prodotto integrato turistico di relazione), e per farle interagire a livello di sistema regionale per comporre ed avere disponibile una offerta integrata del sistema rurale regionale, aperta alla cooperazione rafforzata transnazionale.

L'attenzione è stata posta su modelli di organizzazione e modalità operative che introducono variabili sociali e territoriali accanto a quelle strettamente economiche: il territorio diviene il luogo di produzione di conoscenze specifiche (conoscenze contestuali) e di meccanismi di interazione sociale (reti di relazioni interpersonali, valori, fiducia e reciprocità).

Area geografica di applicazione: Mediterraneo

Maggiori info:

Daniele Malfitana

This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.

 


 

Quadri paesaggistici e produttivi agroalimentari storici in Lucania al tempo di Federico II

Il prodotto di ricerca mira a supportare e validare la valorizzazione delle produzioni locali messe in rapporto con l'evoluzione storica del paesaggio e delle tradizioni produttive. I risultati costituiscono la base per un successivo ampliamento della ricerca, volto a definire il panorama varietale nella Lucania dei secoli XII e XIII ed avere un riscontro materiale alle informazioni desunte dalle fonti su colture e alimentazione all'epoca di Federico II.  Intanto le principali azioni sono le seguenti:

- realizzazione di un repertorio bibliografico ragionato e specifico su paesaggio rurale e produzioni agroalimentari storiche, con attenzione anche alla documentazione d'archivio;

- realizzazione di una base informativa di dati di carattere sia generale, sia di dettaglio, per specie coltivate e loro utilizzo, con analisi correlate per definire i caratteri del paesaggio rurale nel periodo storico di riferimento;

- ricerche preliminari alla elaborazione e composizione di un'ampelografia storica, dall'antichità ai secoli di Federico II, abbinando la disamina integrata delle testimonianze scritte alla ricerca storico-topografica sui territori interessati.

Area geografica di applicazione: Basilicata

Maggiori info:

Canio Alfieri Sabia

This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.

 


 

Viggiano, il borgo e gli antichi mulini: recupero, valorizzazione e rifunzionalizzazione

Il prodotto di ricerca ha come oggetto il recupero della vocazione produttiva storica del centro urbano e delle aree rurali del Comune di Viaggiano per costituire una base informativa di riferimento per la pianificazione territoriale, produttiva e turistica. Le principali azioni risultano:

- analisi del contesto storico, culturale ed ambientale, attraverso la ricerca archivistica, documentale e bibliografica, con particolare riferimento a quei elementi che hanno contribuito maggiormente alla definizione dell'identità culturale e paesaggistica come, ad esempio, gli antichi mulini delle aree rurali e le storiche strutture dedicate alle attività artigiane e al commercio nel centro storico; 

- individuazione e mappatura dei siti di interesse culturale, storico ed architettonico, attraverso attività di censimento e di catalogazione; tale fase comprende sia il reperimento di dati (strutturali, di localizzazione, tipologici, antropologici, ecc.) attraverso la compilazione di schede di rilevamento appositamente definite, oltre che il rilievo grafico, fotografico e analitico, sia la costituzione di un database dedicato che consenta l’elaborazione dei dati raccolti attraverso software GIS (Geographic Information System).

Area geografica di applicazione: Basilicata

Maggiori info:

Canio Alfieri Sabia

This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.

 


 

Studio ed attività finalizzati alla conoscenza, valorizzazione, fruizione e salvaguardia del patrimonio dei beni di interesse culturale della Diocesi di Tricarico 

La ricerca, nell'ambito del territorio della Diocesi di Tricarico, è finalizzata alla conoscenza, valorizzazione e fruizione del patrimonio dei beni di interesse culturale ed in particolare il materiale conservato presso l'Archivio diocesano e lo studio delle testimonianze storico artistiche presenti nell'intero territorio della Diocesi, allo scopo di fare emergere informazioni complete sull'identità culturale del territorio della Diocesi, nelle diverse fasi, momenti, o periodi che ne hanno caratterizzato la vita delle comunità, con i culti religiosi praticati e i percorsi tracciati dalla fede e dalla devozione, anche in relazione ai cicli della vita rurale, alle pratiche agricole legate all'avvicendarsi delle stagioni e alla capacità di utilizzo delle risorse naturali.

Il percorso di valorizzazione prevede, tra l'altro, la supervisione dell'allestimento del Museo Diocesano e la produzione di testi e video animati per la divulgazione e fruizione del patrimonio culturale.

Area geografica di applicazione: Basilicata

Maggiori info:

Canio Alfieri Sabia

This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.

 


 

IT@CHA – Tecnologie Italiane per applicazioni avanzate nei Beni Culturali

Le attività di ricerca dell'IBAM nell'ambito del progetto sono incentrate sullo studio dell'insediamento rupestre medievale di Casalrotto, presso Mottola (TA). Le indagini sono finalizzate alla ricostruzione della topografia antica dell'abitato, dell'estensione della sua necropoli e dell'organizzazione della viabilità antica, attraverso indagini dirette che prevedono la ricognizione sistematica del sito e indagini geofisiche (georadar e geomagnetiche) di alcune aree. Inoltre, uno specifico studio è dedicato agli affreschi della Chiesa rupestre di Sant'Angelo, posta al margine occidentale dell'abitato, di cui sono stati analizzati i pigmenti pittorici ed è stata condotta un'analisi del degrado.

Area geografica di applicazione: Puglia

Maggiori info:

Giuseppe Scardozzi

This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.

 


 

Storia e Archeologia Globale dei paesaggi rurali in Italia tra tardoantico e Medioevo. Sistemi integrati di fonti metodi e tecnologie per lo sviluppo sostenibile 

La ricerca inerente al progetto PRIN “Storia e Archeologia globale dei paesaggi rurali in Italia tra Tardoantico e Medioevo”, affronta lo studio delle dinamiche storiche del popolamento tra il periodo tardo-antico e il tardo-medioevo in Terra d'Otranto, in un'ottica di ecologia storica in cui le informazioni di tipo archeologico e storico tradizionali (società ed economia, tipo e distribuzioni insediamenti, cultura materiale, etc.) vengono viste in una prospettiva più ampia di interazione con altre componenti dell'ecosistema (clima, suolo, copertura vegetale, risorse idriche). Le attività del progetto intendono portare al potenziamento della banca dati insediamentale tramite ricognizioni sul campo e l’uso di tecnologia GIS.

Area geografica di applicazione: Italia meridionale - Puglia

Maggiori info:

Maria Teresa Giannotta

This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.

FaLang translation system by Faboba